René Magritte

La voce dell’aria

1931

Nella sua pittura, che prende le mosse da Giorgio de Chirico, René Magritte cerca di spogliare gli oggetti di funzioni e significati consueti, per suggerire un’immagine stimolante al di là della razionalità. Se nella Voce dell’aria i sonagli si librano nell’aria, in altre opere gli stessi sonagli sono elementi del corpo umano, o sono posti a guisa di germogli in un cespuglio. Inserendo un oggetto comune, stravolto nelle proporzioni, nel peso e nella funzione, i vari contesti inusitati, Magritte gli conferisce un’intensità feticista. Lo sconcerto che suscitano i sonagli posti in un ambiente inconsueto è reso più intenso dalla fredda precisione accademica con cui sono dipinti gli oggetti e ciò che vi sia intorno. La porzione di paesaggio potrebbe essere lo sfondo di un dipinto del primo Rinascimento, mentre i sonagli, nella loro enfatica e brillante monumentalità, trasmettono una misteriosa risonanza.

Opera esposta

Artista René Magritte
Titolo originale La Voix des airs
Data 1931
Tecnica Olio su tela
Dimensioni 72,7 x 54,2 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 75.2553 PG 101
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Dipinto

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere

Jan Theodoor Toorop

Coppia

1920 c.