Jackson Pollock

Occhi nel caldo

1946

Occhi nel caldo anticipa i quadri che Jackson Pollock realizza con la tecnica del ''dripping'' (sgocciolamento) a partire dall’inverno 1946-47. La tela appartiene alla serie Suoni nell’erba, di cui fa parte anche Movimento gracidante. Trasferitosi a Long Island nel 1945, all’inizio dell’estate successiva Pollock adibisce a studio una delle camere da letto. Effetti visibili del trasferimento da New York alla zona rurale di East Hampton sono l'alleggerimento dell'impianto cromatico e l'introduzione di temi allusivi alla natura. Pollock non applica più il colore con il pennello, ma lo spreme direttamente dal tubetto sulla tela, lo spinge e lo spande con arnesi smussati per creare una crosta spessa e irregolare. Lo sguardo scorre su larghe strisce di colore che piombano, sbandano, ripiegano, si alzano e cadono aritmicamente su tutta la superficie. Qua e là appaiono occhi intenti di creature nascoste, a imitazione, nel loro brulichio, dell’incessante movimento degli occhi dell’osservatore.

Artista Jackson Pollock
Titolo originale Eyes in the Heat
Data 1946
Tecnica Olio (e smalto?) su tela
Dimensioni 137,2 x 109,2 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 149
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Dipinto

Copia la didascalia


Altre opere

Jackson Pollock

Due

1943-45