Edmondo Bacci nasce a Venezia il 21 luglio 1913. Dal 1932 al 1937 studia all'Accademia di Belle arti di Venezia, con Ettore Tito e Virgilio Guidi. Nel 1945 tiene la prima personale alla Galleria del Cavallino di Venezia, nel 1948 partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia e nel 1951 alla prima Biennale di Genova. Nel 1953 a Venezia partecipa a una mostra del Movimento spaziale, fondato da Lucio Fontana, e da allora partecipa con regolarità alle esposizioni dello Spazialismo, tra cui “Espacialismo”, nel 1956, alla Galeria Bonino di Buenos Aires.

Verso la metà degli anni cinquanta Peggy Guggenheim rimane affascinata dalla sua pittura e ne diventa attiva sostenitrice.
Bacci tiene un’importante personale alla Galleria del Cavallino nel 1955 e, l’anno seguente, la prima personale negli Stati Uniti, alla Seventy-Five Gallery di New York. Nel 1957 espone alla Galleria del Naviglio di Milano, alla Galleria d'Arte Selecta di Roma, e alla Galleria La Cittadella di Ascona, in Svizzera; sempre nel 1957 partecipa alla mostra “Between Space and Earth” alla Marlborough Gallery di Londra.

Nel 1958 gli viene dedicata una sala alla Biennale di Venezia, e nel 1959 gli viene assegnato il Premio del Comune di Venezia alla Terza Biennale dell'Incisione Italiana Contemporanea. Nel 1961 espone alla Drian Gallery di Londra e partecipa alla mostra “Neue italienische kunst” alla Galerie 59 di Aschaffenburg; l’anno dopo espone alla Frank Perls Gallery di Beverly Hills. Nel 1972 realizza alcune litografie per la poesia di Guido Ballo Il ciè-lo Kàinos. Bacci muore a Venezia il 16 ottobre 1978.


Opere