A cura di Gražina Subelytė, Associate Curator, Collezione Peggy Guggenheim

Sedi:
Collezione Peggy Guggenheim, 9 aprile–26 settembre 2022
Museum Barberini, Potsdam, 22 ottobre 2022–29 gennaio2023

Il Surrealismo è il movimento artistico che più di ogni altro, nel corso del XX secolo, si è ispirato a tropi della magia, della mitologia e dell’occulto. Nell’esplorare l’irrazionale e l’inconscio molti esponenti del movimento guardano alla magia come a una forma di discorso poetico e filosofico, legato a un sapere arcano e a processi di emancipazione personale. In generale i surrealisti attingono a piene mani alla simbologia esoterica e alimentano la nozione dell’artista come alchimista, mago o visionario.

Il ruolo fondamentale svolto della magia in ambito surrealista è stato ampiamente riconosciuto e studiato nel corso degli ultimi due decenni. La mostra prende in esame gli innumerevoli modi in cui la magia e l’occulto caratterizzano lo sviluppo del Surrealismo a livello internazionale, seguendo il solco tracciato dalla Metafisica di Giorgio de Chirico per arrivare al clima di conflittualità politica che caratterizza gli anni del dopoguerra.

Tra i numerosi artisti le cui opere saranno esposte figurano Victor Brauner, Leonora Carrington, Salvador Dalí, Paul Delvaux, Maya Deren, Max Ernst, Leonor Fini, René Magritte, Roberto Matta, Wolfgang Paalen, Kay Sage, Kurt Seligmann, Yves Tanguy, Dorothea Tanning e Remedios Varo.

Galleria

Max Ernst (1891–1976)
La vestizione della sposa (La Toilette de la mariée), 1940
Olio su tela, 129,6 x 96,3 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
76.2553 PG 78

Leonor Fini (1907–1996)
La pastorella delle sfingi (The Shepherdess of the Sphinxes), 1941
Olio su tela, 46,2 x 38,2 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
76.2553 PG 118

Victor Brauner (1903–1966)
Il surrealista (Le Surréaliste), 1947
Olio su tela, 60 x 45 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
76.2553 PG 111

La mostra è organizzata dalla Collezione Peggy Guggenheim, Venezia, con il Museum Barberini, Potsdam.

La mostra è resa possibile grazie a Manitou Fund.

Il programma espositivo della Collezione Peggy Guggenheim è supportato dal Comitato Consultivo della Collezione Peggy Guggenheim. I programmi educativi correlati all’esposizione sono realizzati grazie alla Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz. Le mostre della Collezione Peggy Guggenheim sono realizzate con il sostegno degli Institutional Patrons, EFG, Lavazza, Sanlorenzo, e le aziende del gruppo Guggenheim Intrapresæ.

Con il supporto di

LA MOSTRA È RESA POSSIBILE DA
  • Allegrini + Apice + Arper + Eurofood + Florim + Gruppo Campari + Hangar Design Group + Istituto Europeo di Design + Mapei + René Caovilla + Rubelli + Swatch