A cura di Chiara Bertola, Curatrice di arte contemporanea, Fondazione Querini Stampalia, Venezia

Veneziano di origine, Edmondo Bacci (1913-1978) è stato soprattutto un artista del mondo, uno dei pochi artisti italiani capaci di raggiungere il successo in vita, esponendo nei più importanti musei e gallerie d’arte nazionali e internazionali. La forza e la qualità della sua opera attirarono su di sé l’attenzione di alcuni tra i più attenti critici e collezionisti italiani e stranieri, che intorno agli anni ’50 animavano l’allora vivacissima Venezia, tra i quali naturalmente anche Peggy Guggenheim. Bacci si colloca entro la ristretta cerchia di eccellenze artistiche venete, tra cui Tancredi Parmeggiani ed Emilio Vedova, che negli stessi anni ottengono successi e riconoscimenti internazionali. La mostra vuole rendere omaggio all’artista concentrandosi sul periodo più lirico e felice della sua produzione, gli anni ’50, che hanno segnato il suo successo, nella cornice di Venezia, suo luogo di nascita e d’ispirazione.

Galleria

Edmondo Bacci, Avvenimento #247, 1956, olio con sabbia su tela, 140,2 x 140 cm. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 164

Edmondo Bacci, Senza titolo, 1961, olio e gesso su tela montata su tavola, 69 x 69 cm. Fondazione Solomon R. Guggenheim, Venezia. Donazione, Denise e Giorgio Bacci 86.3404

Edmondo Bacci, Avvenimento #292, 1958, olio su tela, 83,5 x 138 cm. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 165

approfondimenti

Il programma espositivo della Collezione Peggy Guggenheim è supportato dal Comitato Consultivo del museo ed è realizzato con il sostegno degli Institutional Patrons, EFG e Lavazza, e le aziende del gruppo Guggenheim Intrapresæ. I progetti educativi correlati all’esposizione sono realizzati grazie alla Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz.

la mostra è resa possibile grazie a
Con il supporto di

Institutional Patrons​​​​​

La mostra è resa possibile da
  • Aermec + Allegrini + Apice + Arper + Davide Groppi + Florim + Foodies Bros + Gruppo Campari + Hangar Design Group + Istituto Europeo di Design + Mapei + René Caovilla + Rubelli + Swatch
I programmi educativi sono realizzati con il sostegno di

Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz