Victor Brauner

Senza titolo

1941

La forza dell’arte e delle tradizioni popolari rumene contribuiscono ad affinare in Victor Brauner la sensibilità per forme d’arte storiche e primitive, sensibilità del resto comune a tutti i surrealisti. In questi guazzi è evidente l’influenza dell’arte egizia nella scelta delle forme, del colore piatto e della bidimensionalità. C’è anche una componente magica che scaturisce dall’interesse, ereditato dal padre, per il mondo del soprannaturale, della cabala, dell’alchimia, che lo porta, anche in questi tre lavori, a fondere le specie della natura creando teste umane che si prolungano in forme animali. È Peggy Guggenheim a montare insieme i tre guazzi, uno dei quali è esplicitamente dedicato a lei. Risalgono al 1941, l’anno in cui Peggy fugge da Parigi; sul clipper per l’America dove è riuscita ad ottenere dieci posti spera di far salire anche Brauner, ma al pittore viene negato il visto perché l’elenco dei posti disponibili ai rumeni è ormai al completo. Brauner troverà rifugio sulle Alpi.

Opera esposta

Artista Victor Brauner
Data 1941
Tecnica Guazzo e acquerello su carta
Dimensioni tre lavori in un solo passe-partout, 12 x 10,4 cm; 14,2 x 10,7 cm; 12,8 x 8,2 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 114.1–.3
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Opera su carta

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere