Willem de Kooning

Senza titolo

1958

Con Jackson Pollock e Robert Motherwell, Willem de Kooning è un capofila dell’Espressionismo astratto, il movimento americano influenzato da quanto elaborato dal Surrealismo europeo sull’automatismo e la libera espressione. De Kooning non realizza studi preliminari, ma dipinge direttamente sul supporto, manipolandone il colore con gesti vigorosi e liberi da condizionamenti, esprimendo la sua soggettiva percezione del mondo materiale sia nelle composizioni figurative sia in quelle astratte. A fine anni ’50 abbandona temporaneamente la rappresentazione della figura umana, per evocare in termini astratti viali e paesaggi urbani. La qualità della luce e la freschezza dei colori, in questo dipinto, trasmettono una sensazione di paesaggi. De Kooning riduce la proliferazione frenetica di pennellate, forme, piani, per realizzare composizioni relativamente contenute e chiare. Ogni zona di colore, che non ha altri contorni se non quelli fisici della pittura stessa, à applicata estensivamente. La grande semplificazione fa risaltare la maniera in cui il colore è applicato e la conseguente complessità strutturale del materiale.

Artista Willem de Kooning
Data 1958
Tecnica Pastello e carboncino su carta
Dimensioni 57 x 77,5 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 159
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Opera su carta

Copia la didascalia


Altre opere