Marino Marini

L'angelo della città

1948 (fusione del 1950?)

Marino Marini attinge alla tradizione della scultura etrusca e nord-europea nello sviluppare i temi del nudo femminile, del busto e della figura equestre. Interpretando i temi classici in uno spirito moderno e con tecniche moderne, egli cerca di rappresentare un’immagine mitica ma adatta a un contesto contemporaneo. L’evoluzione del soggetto del cavallo e cavaliere rispecchia la risposta personale di Marini a tale contesto mutevole. Il tema compare nella sua opera per la prima volta nel 1936: le proporzioni di cavallo cavaliere sono relativamente slanciate e le due figure sono equilibrate, formali e calme. Dall’anno successivo il cavallo è rappresentato mentre scalpita e il cavaliere mentre gesticola. Nel 1940 le forme si fanno più semplici e arcaicizzate e le proporzioni più tozze. Dalla fine degli anni ’40 il cavallo è piantato immobile sul terreno, il collo allungato, teso, le orecchie abbassate indietro e la bocca aperta, come in questo esempio, che trasmette gli aspetti caratteristici del lavoro di Marini di questo periodo: affermazione ed enfasi di forza, associata esplicitamente con la potenza sessuale.

Opera esposta

Artista Marino Marini
Titolo originale L'angelo della città
Data 1948 (fusione del 1950?)
Tecnica Bronzo
Dimensioni 175 x 176 x 106 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 183
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Scultura

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere

Marino Marini

Pomona

1945

Opera esposta