Mark Rothko

Sacrificio

aprile 1946

Alla fine degli anni ’30 e all’inizio degli anni ’40 Mark Rothko, così come William Baziotes, Adolph Gottlieb e Theodoros Stamos, combina temi mitici e figurazioni primordiali per esprimere esperienze universali Nelle opere di questo periodo forme biomorfiche evanescenti fluttuano in un’atmosfera nebbiosa; evocando forme di vita rudimentale, piante acquatiche e creature primitive intendono offrire un equivalente visivo delle immagini del subconscio. Rothko lavora soprattutto attingendo alle sue sensazioni recondite, ma guarda anche agli artisti che hanno lavorato prima di lui: in quest’opera si avverte l’esempio di Joan Miró nella linea punteggiata, nella fiamma, nel personaggio amorfo in basso a sinistra e nelle serpentine filiformi. Le immagini apertamente rappresentative sono assenti, e in ciò si avverte il progredire verso la completa astrazione, tipica dello stile maturo di Rothko. Nella divisione in zone orizzontali, nella struttura nebulosa e nei contorni indeterminati, Sacrificio anticipa i suoi caratteristici dipinti a campi di colore.

Artista Mark Rothko
Titolo originale Sacrifice
Data aprile 1946
Tecnica Acquerello, guazzo e inchiostro di china su carta
Dimensioni 100,2 x 65,8 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 154
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Opera su carta

Copia la didascalia


Altre opere

Franco Costalonga

Sfera

1969