Luciano Minguzzi

Caprone

1956

Nelle sculture di soggetto animale Luciano Minguzzi prosegue la ricerca formale sulle proprietà del bronzo ma tenta anche di allontanarsi dal concetto tradizionale di scultura come monumento celebrativo. Per realizzare pienamente i propri progetti l’artista riduce le dimensioni delle opere e semplifica le forme in modo da dare un’idea dell’aspetto dell’animale. Sculture di piccole dimensioni come Caprone sono allo stesso tempo grottesche e ironiche. In questo caso l’artista non cerca di creare una figura corrispondente al vero, ma di catturare, grazie alla massa e al volume, l’essenza ed il carattere dell’animale che riproduce. Caprone si differenzia anche dall’idea naturalistica e idealizzata degli animali presenti nel tradizionale vocabolario visivo pastorale, privilegiando un linguaggio espressionista che allude alla decadenza e persino alla morte.

Artista Luciano Minguzzi
Data 1956
Tecnica Bronzo
Dimensioni 16,8 x 34 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 212
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Scultura

Copia la didascalia


Altre opere

Anthony Caro

Cardine

1966

Opera esposta