Ben Nicholson

Febbraio 1956 (menhir)

1956

All’inizio degli anni ’30 Ben Nicholson comincia a creare rilievi composti, ora del 1934, di rettangoli e cerchi dipinti in bianco. Quando Nicholson, a metà anni '50, concentra nuovamente la sua attenzione su questa forma espressiva, i rilievi mutano leggermente in colore a composizione. Questo esempio è particolarmente severo. L’assenza di linee curve e diagonali richiama alla mente l’opera di Piet Mondrian, artista che Nicholson riconosceva e ammirava. Il colore smorzato e pallido evoca gli affreschi del primo Rinascimento italiano e i frammenti della ceramica classica. Il riferimento fra parentesi ai menhir è accentuato dal formato verticale e dalla superficie squadrata e monocromatica della tavola. L’equilibrio di forma, proporzione e disposizione apparentemente così semplice è perseguito con abilità.

Opera esposta

Artista Ben Nicholson
Titolo originale February 1956 (menhir)
Data 1956
Tecnica Olio e inchiostro (?) su tavola
Dimensioni 99,4 x 30 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 46
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Dipinto

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere