Ben Nicholson

Febbraio 1956 (menhir)

1956

All’inizio degli anni ’30 Ben Nicholson comincia a creare rilievi composti, ora del 1934, di rettangoli e cerchi dipinti in bianco. Quando Nicholson, a metà anni '50, concentra nuovamente la sua attenzione su questa forma espressiva, i rilievi mutano leggermente in colore a composizione. Questo esempio è particolarmente severo. L’assenza di linee curve e diagonali richiama alla mente l’opera di Piet Mondrian, artista che Nicholson riconosceva e ammirava. Il colore smorzato e pallido evoca gli affreschi del primo Rinascimento italiano e i frammenti della ceramica classica. Il riferimento fra parentesi ai menhir è accentuato dal formato verticale e dalla superficie squadrata e monocromatica della tavola. L’equilibrio di forma, proporzione e disposizione apparentemente così semplice è perseguito con abilità.

Opera esposta

Artista Ben Nicholson
Titolo originale February 1956 (menhir)
Data 1956
Tecnica Olio e inchiostro (?) su tavola
Dimensioni 99,4 x 30 cm
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 46
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Dipinto

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere

Agostino Bonalumi

Nero

1966

Constantin Brancusi

Maiastra

1912 c.

Opera esposta