Giacomo Balla

Velocità astratta + rumore

1913-14

Tra la fine del 1912 e l’inizio del 1913 Giacomo Balla sposta la sua indagine della scomposizione della luce alla rappresentazione del movimento e, più specificamente, della velocità. Questo interesse lo porta a realizzare negli anni 1913-14 una importante serie di studi. È stata avanzata l’ipotesi che Velocità astratta + rumore sia la parte centrale di un trittico che descrive l’alterazione prodotta in un ambiente naturale dal passaggio di un’automobile nell’atmosfera. Porzioni di cielo e di uno stesso paesaggio compaiono in tutti e tre i dipinti, mentre i frammentari elementi evocativi della velocità dell’auto variano nei tre pannelli. L’opera della Collezione Peggy Guggenheim si distingue per i segni incrociati con cui l’artista rappresenta il rumore e per il più intenso moltiplicarsi delle linee e dei piani. Le forme e i colori delle tre composizioni continuano sulla cornice dipinta a esprimere l’espandersi della realtà pittorica nello spazio esterno.

Opera esposta

Artista Giacomo Balla
Data 1913-14
Tecnica Olio su tavola
Dimensioni 54,5 x 76,5 cm compresa la cornice dipinta dall’artista
Credit line Collezione Peggy Guggenheim, Venezia (Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York)
Inventario 76.2553 PG 31
Collezione Collezione Peggy Guggenheim
Tipologia Dipinto

Copia la didascalia

Opera esposta


Altre opere