Cy Twombly nasce a Lexington, Virginia (USA), il 25 aprile 1928. Tra il 1948 e il 1951 frequenta la School of the Museum of Fine Arts di Boston, la Washington and Lee University di Lexington, l'Art Students League di New York, dove incontra Robert Rauschenberg. Su suggerimento di quest'ultimo, nel 1951-52 inizia a studiare al Black Mountain College in North Carolina, dove trova insegnanti come Franz Kline, Robert Motherwell e Ben Shahn. Sempre nel 1951 la Kootz Gallery di New York gli dedica la sua prima personale. La sua opera in questo periodo risente dell'espressionismo in bianco e nero di Kline e dell'immaginario giocoso di Paul Klee.

Nel 1952 una borsa di studio del Virginia Museum of Fine Arts gli consente di viaggiare in Nord-Africa, Spagna, Francia e Italia. Al suo ritorno, nel 1953, entra nell'esercito come crittografo. Tra il 1955 e il 1959 lavora a New York e in Italia, dove infine si stabilisce a Roma. Inizia le sue prime sculture astratte, che dipinge in bianco, a prescindere dal materiale o dalla forma. In Italia inizia a lavorare a opere di grandi dimensioni, si allontana dai precedenti scarabocchi espressionisti adottando vere e proprie lettere e numeri e ispirandosi alla poesia, alla mitologia e alla tradizione classica. Arriva così a creare un proprio vocabolario di segni metaforici, talvolta a sfondo sessuale, svincolati dall'iconografia tradizionale.

Nel 1964 partecipa alla Biennale di Venezia. Nel 1968 il Milwaukee Art Center presenta la sua prima retrospettiva. Altre seguiranno, come quelle organizzate dal Kunsthaus Zürich nel 1987, dal Musée National d’Art Moderne di Parigi nel 1988, dal Museum of Modern Art di New York nel 1994, dalla Pinakothek der Moderne di Monaco nel 2006, dalla Tate Modern di Londra nel 2008, dall'Art Institute of Chicago nel 2009. Nel 1995 a Houston apre la Cy Twombly Gallery per esporre le opere realizzate a partire dal 1954. L'artista muore a Roma il 5 luglio 2011.


Opere