Albert Gleizes nasce a Parigi l’8 dicembre 1881. Dopo la scuola superiore, lavora nello studio di disegno tessile del padre. Tra il 1901 e il 1905, durante il servizio militare, comincia a dedicarsi seriamente alla pittura. Espone per la prima volta nel 1902, alla Société Nationale des Beaux-Arts a Parigi, e partecipa al Salon d’Automne del 1903 e del 1904. Nel 1906, nei dintorni di Parigi fonda con alcuni amici, tra i quali lo scrittore René Arcos, l’Abbaye de Créteil, una comunità utopica di artisti e scrittori che si propongono di creare un’arte epica e non allegorica basata su temi moderni. L’Abbaye chiuderà nel 1908 per difficoltà finanziarie.

Negli anni 1909 e 1910 entra in contatto con Henri Le Fauconnier, Fernand Léger, Robert Delaunay e Jean Metzinger. Nel 1910 espone al Salon des Indépendants a Parigi e con il gruppo Fante di Quadri a Mosca; l’anno successivo scrive il primo dei suoi numerosi articoli. Insieme a Metzinger, Gleizes scrive Du Cubisme, pubblicato nel 1912. Nello stesso anno partecipa alla fondazione della Section d’Or. Nel 1914 è di nuovo sotto le armi. Dal 1915 la sua pittura diviene astratta e nei quattro anni successivi, i viaggi fatti a New York, Barcellona e alle Bermude ne influenzano l’evoluzione stilistica.

La sua prima personale si tiene alle Galeries Dalmau di Barcellona nel 1916. A partire dal 1918 si concentra su valori spirituali, come dimostrano la sua pittura e i suoi scritti. Nel 1927 fonda, a Sablons, Moly-Sabata, un’altra comunità utopica di artisti e artigiani. Il suo libro La Forme er l’histoire, pubblicato nel 1932, esamina l’arte romanica, celtica e orientale. Negli anni trenta Gleizes aderisce al gruppo Abstraction-Création ed esegue diverse importanti commissioni, tra le quali le pitture murali per l’Esposition Internationale des Arts di Parigi del 1937. Nel 1947 si tiene a Lione, alla Chapelle du Lycée Ampère, un'ampia retrospettiva della sua opera. Negli anni 1949 e 1950 Gleizes lavora all’illustrazione dei Pensées di Pascal e nel 1952 esegue l’affresco Eucaristia per la cappella Les Fontaines a Chantilly. Gleizes muore ad Avignone il 23 giugno 1953.


Opere