compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale









2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1999
1997
1996
1995
1993
1991
1990
1988
1986
Prima del 1986


    2005

51^ Esposizione Internazionale d'Arte
Ed Ruscha. Il corso dell'impero
Progetto amministrato da: Fondazione Solomon R. Guggenheim, New York
Commissario: Linda Norden, Associate Curator of Contemporary Art, Harvard University Art Museums
Commissario aggiunto: Donna De Salvo

Motivo centrale del progetto Corso dell’impero è stato l’essere un progetto specifico sia al luogo che all’occasione: la struttura e il simbolismo architettonico del Padiglione degli Stati Uniti e la portata internazionale della Biennale di Venezia hanno costituito il motivo centrale dell’installazione. Ispirata dalla simmetria del disegno neo-classico del Padiglione americano, l’installazione era costituita da dieci acrilici su tela ugualmente divisi tra le due ali dell’edificio. Nelle gallerie di sinistra erano esposti i cinque originali “Blue Collar”, tele in bianco e nero che rappresentano paesaggi urbani; nelle gallerie di destra cinque nuove opere a colori, che rispecchiavano gli originali in bianco e nero sia nel soggetto che nella disposizione e, secondo Ruscha “una visione accelerata, invecchiata degli stessi paesaggi urbani” riutilizzati, riciclati o abbandonati. Le coppie del ciclo alludevano all’ansia che circonda la visione modernista di progresso tipica dell’epoca postmoderna, un sentimento che echeggia, per quanto in modo indiretto, la preoccupazione espressa da Thomas Cole nel suo originario Corso dell’impero (1835 c.). L’esistenza di un ciclo implica di per sé il tema del cambiamento e del movimento e la varietà delle risposte offerte da Ruscha nel nuovo gruppo di opere ha rappresentato un antidoto allo spettro dell’omologazione che la globalizzazione tende a generare.

credits: Hangar Design Group