logo del museo

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi.

Marcel Proust

Ecco, questa è la città dove vivo, dove cammino, dove respiro … e dove non ho mai tempo per una sosta. Eppure basterebbe davvero poco per accorgersi delle “meraviglie” silenti e da sempre presenti che accompagnano i nostri passi, come le amate “pietre di Venezia” di Ruskin, intriganti abitanti di una città che Calvino aveva definito Smeraldina e dove non una retta, ma un suadente zigzag che si ramifica in tortuose varianti, ci conduce alla meta della dispersione.
Il 2017 non ci vedrà seduti in un’aula, ma pronti a partire per un vero viaggio, quel “viaggio di scoperta che non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi” (M.Proust), occhi pronti a riscoprire ciò che, per la nostra vita quotidiana, abbiamo dimenticato … ma solo per poco.


Siamo spiacenti ma i posti disponibili per il primo ciclo sono esauriti.

28.01.2017
La scultura abbandona la propria casa
Le sale monumentali della Biblioteca Marciana e Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa

Il patriarca Giovanni Grimani raccoglie, a lungo e con attenzione, una preziosa collezione di antichità, prediligendo gli originali greci alle copie ellenistiche e creando una delle più importanti raccolte in Europa. Nel 1587 la collezione viene donata alla Repubblica di Venezia e collocata alla Biblioteca Marciana, con un particolare allestimento, affollato e curioso, curato dal medesimo Grimani e dall’architetto Vincenzo Scamozzi, al fine non solo di esporre le opere ma di creare suggestione negli occhi di chi avrebbe guardato quei lavori che rappresentavano il “vero” Mediterraneo, tanto amati e visitati da Winckelmann. Di naturale conseguenza è la visita a Palazzo Grimani, prima sede dello Statuario dei Grimani, illuminato da decorazioni del romano Federico Zuccari, amante delle allegorie ispirate alle virtù dell’eventuale committente, e arricchito da grottesche e rilievi a stucco.



11.02.2017
Lo spazio del cielo e lo spazio della terra
La Basilica dei Frari e Palazzo Albrizzi a San Polo

La Basilica dei Frari è il vagheggiamento di un sogno di perfezione perduto, inseguendo le volute “rosso tiziano” dell’Assunta, cui si dedica il loco, la meditabonda tomba del Canova, incunabolo ripetutamente ispiratore nel prosieguo del tempo, e le opere di Bellini e Donatello: uno spazio intenso teso a percepire il sacro in una modalità rinnovata. A Palazzo Albrizzi, invece, l’edilizia privata esprime, grazie alle finestre serliane e alle monofore in modanata cornice lapidea, una ricchezza faconda che si rispecchia all’interno con gli stucchi di Abbondio Stazio.



18.03.2017
Narrazioni a confronto
Chiesa di S. Giorgio dei Greci, Scuola Dalmata di S. Giorgio degli Schiavoni e Chiesa di S. Giovanni Battista del Sovrano Militare Ordine di Malta

Nella Chiesa di San Giorgio dei Greci, sede della comunità straniera più importante nel periodo tardorinascimentale, trovano ospitalità alcune icone bizantine di scuola costantinopolitana e cretese, connotate dalla ieratica staticità di un sacro che, già dall’uso dei colori, esprime un distacco dal mondo quotidiano. A poca distanza, la Scuola Dalmata di San Giorgio degli Schiavoni espone il ciclo dipinto da Vittore Carpaccio, ove i Santi sono immersi in scenografie di chiara impronta contemporanea, con una Cafarnao di forme venete. Infine, a pochi passi, il Sovrano Ordine di Malta offre la Chiesa di S. Giovanni Battista, edificata nel 1187 dai Templari.



01.04.2017
La fiducia nell’architettura
Vicenza, Villa Valmarana Ai Nani e Villa Almerico Capra detta La Rotonda

Villa Valmarana Ai Nani è la strabiliante occasione in cui Giambattista e Giandomenico Tiepolo hanno saputo non solo affrescare, ma dialogare con la sapiente distribuzione architettonica degli spazi. La Rotonda è l’icona universale di Palladio, della sua “bianca” architettura, della sua misura e della sua poetica.



09.09.2017
Diversi punti di partenza
La Basilica dei Santi Maria e Donato a Murano e la Chiesa di Santa Maria Assunta a Torcello

Il Duomo di Murano, appassionante e raro esempio di architettura veneto-bizantina in laguna, è connotato da un’abside che evoca un ricamo ricolmo di grazia per il rapporto tra i suoi vuoti e pieni. A Torcello, la Chiesa di Santa Maria Assunta, fondata nel VII secolo, è il più antico documento di storia veneziana.



28.10.2017
Golden Age veneziana
La Basilica dei SS. Giovanni e Paolo e la Scuola Grande di San Marco

La Basilica dei SS. Giovanni e Paolo rappresenta il pantheon della gloria scultorea serenissima, dal Doge Mocenigo al Doge Andrea Vendramin, con le opere di Lombardo che dialogano con l’avvincente collezione di pittura conservata alla Scuola Grande di San Marco, con la presenza di lavori di Palma il Vecchio, Palma il Giovane e di Tintoretto.



18.11.2017
L’illuminata tradizione del mecenatismo a Venezia
Basilica di San Giorgio Maggiore e Fondazione Giorgio Cini

Nel capolavoro del Palladio abitano alcune delle opere pittoriche più significative, dalla rivoluzionaria Ultima Cena di Tintoretto all’Adorazione dei Pastori del Bassano. Ancor più numerose sono le meraviglie del Monastero, dal Chiostro dei Cipressi del Buora alla Manica lunga e lo Scalone del Longhena. Ma nulla sarebbe oggi così fruibile senza la preziosa attività della Fondazione Cini, ovvero se non si fosse rinnovata quell’aulica qualità veneziana del conservare per trasmettere.



15.12.2017
Rutilante arte del mosaico
La Basilica di San Marco

Se cerchiamo l’icona di Venezia o se pensiamo a quante volte l’abbiamo “vista”, non abbiamo dubbi nell’individuare la Basilica di San Marco, ma questa sarà la volta in cui potremo finalmente ammirarla con calma, nel ripercorrere ogni sedimentazione storico-artistica, in un’indimenticabile visita notturna.




INFORMAZIONI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE

Il corso prevede due gruppi di partecipanti, un gruppo mattutino e un gruppo pomeridiano.

Siamo spiacenti ma i posti disponibili per il primo ciclo sono esauriti.

Apertura iscrizioni secondo ciclo: mercoledì 31 maggio 2017.
L’iscrizione è obbligatoria e possibile fino ad esaurimento posti. Non è possibile iscriversi a una sola lezione.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE A CICLO

Nella quota di partecipazione NON SONO INCLUSI i biglietti d'ingresso alle Sale Monumentali della Biblioteca Marciana, alla Basilica dei Frari e alla Basilica dei SS. Giovanni e Paolo.
Soci Collezione Peggy Guggenheim: 120 euro
Non soci: 160 euro
Possessori Guggenheim Young Pass: 60 euro
Insegnanti di ogni ordine e grado: 130 euro, previa presentazione di attestato rilasciato dalla scuola o istituto.


Ufficio Membership
Collezione Peggy Guggenheim
Dorsoduro 701 – 30123 Venezia
Tel. 041 2405440/429
membership@guggenheim-venice.it

Grazie a:

logo garage san marco