compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Jean Dubuffet

/Opere e biografia

  zoom

Brunetta dal volto carnoso
(Châtaine aux hautes chairs), agosto 1951
Materiali vari a base di olio su masonite, 64,9 x 54 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 121
© Jean Dubuffet, by SIAE 2008


Jean Dubuffet è attratto dalle superfici di muri in rovina, strade sventrate, incrostazioni naturali della terra e della roccia, e nel corso degli anni ’40 e ’50 cerca di creare un equivalente nelle sue opere. Utilizza materiali vari per realizzare superfici spesse e scabre che generano immagini deliberatamente sgraziate, volgari e rozze, spesso volti grotteschi o nudi di donna. Quest’opera è realizzata con una “calce” a base di olio, applicata con una spatola, lasciata parzialmente asciugare in alcune zone e poi grattata, sgorbiata, graffiata, tagliata o strofinata, prima di una nuova applicazione di materiale. La superficie in tal modo ottenuta è così spessa che i segni incisi che delineano i contorni e le forme sembrano modellare in rilievo. L’atteggiamento di Dubuffet, aggressivamente anticulturale e antiestetico, e la sua spontaneità espressiva, sono presi ad esempio da membri del gruppo COBRA in Europea, e a New York da artisti come Claes Oldenburg e Jim Dine.

credits: Hangar Design Group