compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Giorgio de Chirico

/Opere e biografia

  zoom

La nostalgia del poeta (La Nostalgie du poète), 1914
Olio e carboncino su tela, 89,7 x 40,7 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 65
© Giorgio de Chirico, by SIAE 2008


L’opera appartiene a una serie di dipinti del 1914 che hanno per tema la figura del poeta. Motivi ricorrenti di questo ciclo sono il busto con gli occhiali scuri, il manichino e l’impronta di un pesce su un obelisco. Questi oggetti che apparentemente non hanno nessuna relazione fra loro, sono qui compressi in un formato stretto e verticale che crea uno spazio enigmatico e una sensazione di claustrofobia. L’uso di forme inanimate che imitano gli esseri umani o vi alludono, implica ramificazioni complesse. La scultura a sinistra è la raffigurazione dipinta di un calco di un busto in pietra, marmo o metallo, eseguito da un immaginario o ignoto scultore. Il pesce è un disegno a carboncino di uno stampo da cucina a forma di pesce che serve a preparare uno sformato di pesce e che assume altri significati nella simbologia religiosa. Il manichino di stoffa è la forma semplificata di una figura umana. Ogni oggetto, per quanto sia solido e statico si dissolve in molteplici interpretazioni e paradossi. La simbologia, così stranamente pregnante nel significato, come quella degli oggetti di Giorgio de Chirico, attirò l’attenzione dei surrealisti.

credits: Hangar Design Group