compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Alexander Calder

/Opere e biografia

  zoom

Luna gialla (Croissant jaune), 1966
Lamiera dipinta, aste metalliche e filo d'acciaio, 162,6 x 243,8 x 177,8 cm
Fondazione Solomon R. Guggenheim, Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, lascito Hannelore B. Schulhof, 2012
2012.33
© 2014 Calder Foundation, New York / SIAE, Rome, all rights reserved. CALDER ® is a registered trademark of Calder Foundation, NY.


Nell’autunno 1931 Calder crea i primi oggetti cinetici, o mobile, dotati di motori elettrici. Presto si rende conto che le sculture potevano muoversi da sole. In questo caso l’opera, sensibile alle correnti d’aria, oscilla spontaneamente. Secondo Calder “un mobile è una poesia che la gioia di vivere e la sorpresa fanno danzare”. Realizzato interamente a mano dall’artista, Luna gialla evoca uno spazio lontano, con stelle e pianeti orbitanti, dove la luna gialla controbilancia il cerchio rosso, probabile simbolo di un sole caldo. È probabile che sia stato ispirato da una visione commovente, su orizzonti contrapposti, di un sole nascente e una luna piena calante, cui Calder assiste su una nave mercantile al largo del Guatemala, nel 1922.

credits: Hangar Design Group