Donald Judd

/Opere e biografia

  zoom

Senza titolo, 1976
Alluminio anodizzato, chiaro e giallo, 15 x 281,3 x 15 cm
Fondazione Solomon R. Guggenheim, Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, lascito Hannelore B. Schulhof, 2012
2012.66
Art © Judd Foundation, by SIAE 2012


OPERA ESPOSTA


Le “progressioni” di Judd si sviluppano secondo serie matematiche. La successione di Fibonacci si verifica in natura, in processi quali la ramificazione degli alberi o la disposizione delle foglie nelle piante. Ogni numero della sequenza è la somma dei due precedenti: 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13 e così via. Tradotta in volumi, in questa scultura le piccole forme gialle a destra aumentano rapidamente di dimensioni mentre gli interstizi seguono lo stesso schema all’inverso. Ogni elemento ha una relazione simbiotica con le altre parti e con il tutto. Mentre le progressioni si sviluppano all’infinito, la forma materiale e le limitazioni fisiche della scultura definiscono, limitano e completano, generando un senso di unione e singolarità.

credits: Hangar Design Group