compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Piet Mondrian

/Opere e biografia

  zoom

Composizione n. 1 con grigio e rosso 1938 / Composizione con rosso 1939
(Composition No. 1 with Grey and Red 1938 / Composition with Red 1939), 1938–39
Olio su tela montata su supporto di legno,
tela 105,2 x 102,3 cm; pannello 109,1 x 106 x 2,5 cm
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia 76.2553 PG 39
© 2012 Mondrian/Holtzman Trust c/o HCR International Washington DC


Dal 1938 al 1940 Piet Mondrian vive a Londra e continua a lavorare nei modi semplificati del Neoplasticismo elaborati in Francia, secondo i quali linee nere orizzontali e verticali si intersecano sulla tela in un equilibrio asimmetrico, formando quadrilateri piatti bianchi, o colorati. I colori sono generalmente ridotti al nero, al bianco e ai colori primari. Questo dipinto è tra i più austeri dal punto di vista cromatico. Separando completamente la forma da ogni riferimento naturalistico, Mondrian si propone di fornire un equivalente visivo delle verità insite nella natura, ma nascoste dalle sue manifestazioni casuali e frammentarie. Mondrian è convinto di poter comunicare queste verità per mezzo di un sistema di opposizioni e soluzioni, il cui effetto sul piano spirituale sia quello di pace totale e di armonia animistica. Per trasmettere queste verità l’artista deve sublimare la propria personalità, in modo da non interferire nella percezione che l’osservatore ha dell’equilibrio ritmico di linea, dimensione, colore. Questi elementi, tuttavia, sono organizzati secondo l’intuizione dell’artista. L’intento di Mondrian è quello di unire arte, materia e spirito per scoprire in ogni aspetto dell’esperienza quell’armonia universale che è il fondamento del Neoplasticismo.

credits: Hangar Design Group