compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Zoltan Kemeny

Senza titolo (Studio per Movimento diviso)

1957 c.

Movimento diviso

1957

Zoltan Kemeny nasce il 21 marzo 1907 nel piccolo villaggio di Banica, Transilvania, allora ungherese. Da adolescente impara a dipingere sotto la guida di un pittore di insegne naïf. Apprendista presso un mobiliere nel 1921, nel 1923 incomincia a studiare disegno tecnico per la realizzazione di mobili. Dal 1924 al 1927 segue corsi di architettura e arredamento alla Scuola di Arti Decorative di Budapest. In seguito si iscrive alla Scuola di Belle Arti di Budapest, dove dal 1927 al 1930 studia pittura.

Nel 1930 Kemeny si stabilisce a Parigi, abbandona la pittura e nei dieci anni seguenti lavora come designer di oggetti di metallo forgiato, disegnatore di moda, e altre attività. Trascorsi gli anni dal 1940 al 1942 a Marsiglia, si trasferisce a Zurigo dove riprende a dipingere, mantenendosi nel frattempo lavorando nel campo della moda; prima come disegnatore e poi, dal 1952, come redattore di una rivista. Nel 1945 ha luogo la sua prima mostra personale, alla Galerie del Eaux-Vives di Zurigo. L’anno successivo si tiene la prima personale parigina dell’artista alla Galerie Kléber e avviene l’incontro con Dubuffet, in seguito al quale Kemeny incomincia a inserire nei suoi lavori i tipici objets trouvés, ciottoli, perline e erba secca, realizzando collage e rilievi dalla superficie grezza e scabra.

Il carattere del lavoro di Kemeny cambia decisamente nel 1951, quando produce i primi rilievi traslucidi, colorati, dove gli oggetti sono attaccati a lastre di vetro; ai quali a volte aumenta la luminosità sistemando dietro il vetro una luce elettrica. A partire dal 1954 incomincia a tralasciare i materiali grezzi per utilizzare il metallo, che continua a usare per tutta la vita. Nel 1957 ottiene la cittadinanza svizzera e nel 1959 la Kunsthaus di Zurigo allestisce una retrospettiva della sua opera. Abbandona il suo lavoro di disegnatore di moda per dedicarsi esclusivamente alla scultura nel 1960, anno in cui ha luogo la sua prima personale a New York, alla Sidney Janis Gallery. Negli ultimi anni di vita lavora molto nella realizzazione di importanti commissioni, tra cui una scultura in ottone per il teatro municipale di Francoforte. L’artista muore a Zurigo il 14 giugno 1965.

 

credits: Hangar Design Group