compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Vasily Kandinsky

Paesaggio con macchie rosse, n. 2

1913

Croce bianca

1922

Verso l'alto

1929

Vasily Kandinsky nasce il 4 dicembre 1866 a Mosca. Dal 1886 al 1892 studia legge ed economia all’Università di Mosca, dove insegna dopo la laurea. Nel 1896 rifiuta un incarico di insegnante per studiare arte a Monaco, con Anton Ažbe dal 1897 al 1899 e all’Accademia con Franz von Stuck nel 1900. Dal 1901 al 1903 Kandinsky insegna alla scuola d’arte del Phalanx, un gruppo di Monaco del quale è stato tra i fondatori; una delle sue allieve, Gabriele Münter, sarà sua compagna fino al 1914. Nel 1902 espone per la prima volta con la Secession di Berlino e realizza le sue prime xilografie. Negli anni 1903-04 viaggia in Italia, Olanda, Africa e visita la Russia. Dal 1904 espone più volte al Salon d’Automne di Parigi.

Nel 1909 Kandinsky è eletto presidente del Neue Künstlervereinigung München (NKVM), un gruppo da poco fondato che nello stesso anno tiene la prima mostra alla Moderne Galerie di Thannhauser a Monaco. Nel 1911 Kandinsky e Franz Marc si ritirano dal NKVM e insieme gettano le basi dell’almanacco del Blaue Reiter (Cavaliere azzurro). Nel dicembre di quell’anno si tiene a Monaco la prima mostra del Blaue Reiter, alla Moderne Galerie, e Kandinsky pubblica Dello spirituale nell’arte. Nel 1912 la Galerie Hans Goltz di Monaco presenta la seconda mostra del Blaue Reiter; viene pubblicato il Der Blaue Reiter Almanac e Kandinsky tiene la prima personale berlinese alla galleria Der Sturm. Nel 1913 una sua opera è presentata all’Armory Show di New York e poi all’Erster deutscher Herbstsalon di Berlino. Kandinsky vive in Russia dal 1914 al 1921, quasi sempre a Mosca, dove ha un incarico al Commissariato del Popolo per l’Educazione.

Nel 1922 inizia ad insegnare al Bauhaus di Weimar e l’anno dopo inaugura la sua prima personale a New York, alla Société Anonyme, della quale diviene vicepresidente. Con Paul Klee, Lyonel Feininger e Alexej Jawlensky nel 1924 forma il gruppo Blauer Vier. Nel 1925 si trasferisce con il Bauhaus a Dessau e nel 1928 ottiene la cittadinanza tedesca. Quando, nel 1933, il governo nazista chiude definitivamente il Bauhaus, Kandinsky si stabilisce a Neuilly-sur-Seine, presso Parigi; otterrà nel 1939 la cittadinanza francese. Cinquantasette opere di Kandinsky sono sequestrate dai nazisti nel 1937 nel corso dell’epurazione contro la cosiddetta “arte degenerata”. L’artista muore a Neuilly il 13 dicembre 1944.

 

credits: Hangar Design Group