compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Raymond Duchamp-Villon

Il cavallo

1914

Pierre-Maurice-Raymond Duchamp, noto come Raymond Duchamp-Villon, nasce a Damville, nei pressi di Rouen, il 5 novembre 1876. Dal 1894 al 1898 studia medicina all'Università di Parigi. Quando una malattia lo costringe ad abbandonare gli studi, decide di dedicarsi seriamente alla scultura, fino ad allora praticata principalmente per svago. All’inizio del ‘900 si trasferisce a Parigi, dove espone per la prima volta nel 1902 al Salon de la Société Nationale des Beaux-Arts. Qui si tiene anche la sua seconda mostra nel 1903, anno in cui l'artista si stabilisce a Neuilly-sur-Seine. Nel 1905 esordisce al Salon d'Automne e le sue opere sono esposte alla Galerie Legrip di Rouen assieme a quelle del fratello, il pittore Jacques Villon, con il quale due anni più tardi si trasferisce a Puteaux.

A partire dal 1907 Duchamp-Villon entra a far parte della giuria per la scultura del Salon d'Automne, e la sua presenza è determinante per la promozione dell'arte cubista nel secondo decennio del ‘900. In questo periodo, con Villon e Marcel Duchamp, partecipa alle riunioni settimanali del gruppo di Puteaux, composto da artisti e critici. Nel 1911 espone alla Galerie de l'Art Contemporain di Parigi e l'anno successivo partecipa alla mostra organizzata dai fratelli Duchamp al Salon de la Section d'Or, presso la Galerie de la Boétie. Nel 1913 espone all'Armory Show di New York e, nel 1914, alla Galerie André Groult di Parigi, alla Galerie S. V. U. Mánes di Praga e alla galleria Der Sturm di Berlino.

Durante la prima guerra mondiale, Duchamp-Villon presta servizio nell'esercito in funzione di medico, trovando tuttavia il tempo di lavorare ad una delle sue sculture più importanti, Il cavallo: immagine composita di animale e macchina preceduta da numerosi disegni preparatori e realizzata in diverse versioni. Verso la fine del 1916, durante un soggiorno a Champagne, si ammala di febbre tifoide, malattia che lo porterà alla morte il 9 ottobre 1918 all'ospedale militare di Cannes.

 

credits: Hangar Design Group