compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Robert Delaunay

Finestre aperte simultaneamente 1° parte, 3° motivo

1912

Robert-Victor-Félix Delaunay nasce a Parigi il 12 aprile 1885. Nel 1902, dopo la scuola secondaria, lavora come apprendista in un laboratorio di scenografia a Belleville. Nel 1903 comincia a dipingere e già nel 1904 espone al Salon d'Automne, dove sarà presente anche nel 1906, mentre dal 1904 fino all'inizio della prima guerra mondiale partecipa al Salon des Indépendants. Tra il 1905 e il 1907 Delaunay stringe amicizia con Henri Rousseau e Jean Metzinger e studia le teorie sul colore di Michel Eugène Chevreul. In questo periodo dipinge in uno stile neoimpressionista, ma risente anche dell'influenza di Paul Cézanne. Svolto il servizio militare a Laon, negli anni 1907-08, l’artista ritorna a Parigi, dove entra in contatto con gli esponenti del Cubismo. Tra il 1909 e il 1910 Delaunay sviluppa il suo stile personale: nel 1909 dipinge la sua prima Tour Eiffel. Nel 1910 sposa la pittrice Sonia Terk, sua collaboratrice in molti progetti artistici.

La presenza di Delaunay alle mostre tedesche e la sua collaborazione con l'avanguardia in Germania inizia nel 1911, anno in cui Vasily Kandinsky lo invita a partecipare alla prima mostra del Blaue Reiter (Cavaliere azzurro) a Monaco. In questo periodo diventa amico di Guillaume Apollinaire, Henri le Fauconnier e Albert Gleisez. Nel 1912 tiene la sua prima personale alla Galerie Barbazanges di Parigi ed inizia la serie delle Finestre. Nel 1913 dipinge i primi Dischi o Forme circolari, opere completamente astratte.

Dal 1914 al 1920 vive in Spagna e in Portogallo e stringe amicizia con Sergei Diaghilev, Igor Stravinsky, Diego Rivera e Leonide Massine. Verso il 1920 torna a Parigi dove, due anni dopo, si tiene una mostra delle sue opere alla Galerie Paul Guillaume ed inizia una seconda serie di Tour Eiffel. Nel 1924 si dedica alla serie dei Corridori. Nel 1925 esegue gli affreschi per il Palais de l'Ambassade de France all'Exposition Internationale des Arts Décoratifs di Parigi e, nel 1937, completa le pitture murali per il Palais des Chemins de Fer e per il Palais de l'Air all'Exposition Internationale des Arts di Parigi. Le sue ultime opere sono le decorazioni per la sala della scultura del Salon des Tuileries nel 1938. L’artista muore a Montpellier il 25 ottobre 1941.

 

credits: Hangar Design Group