compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Salvador Dalí

Senza titolo

1931

La nascita dei desideri liquidi

1931–32

Salvador Felipe Jacinto Dalí y Domenech nasce a Figueras in Catalogna l'11 maggio 1904. Nel 1921 frequenta la Real Academia de Bellas Artes de San Fernando a Madrid dove stringe amicizia con il poeta Federico García Lorca e Luis Buñuel. Nel 1925 tiene la prima personale alle Galeries Dalmau di Barcellona. Nel 1926 viene espulso dall'Academia e l'anno successivo si reca a Parigi, dove incontra Pablo Picasso. Nel 1929 collabora con Buñuel al film Un Chien Andalou. Tornato a Parigi nello stesso anno, incontra Tristan Tzara e Paul Eluard. In questo periodo esegue i suoi primi dipinti surrealisti, e per tutti gli anni ’30 collabora a diverse pubblicazioni surrealiste illustrando le opere degli scrittori e dei poeti dell’omonimo movimento.

Nel 1933 tiene la sua prima personale negli Stati Uniti, alla Julien Levy Gallery di New York. L’anno successivo, a causa delle sue idee politiche, riceve una severa critica dal gruppo surrealista tanto da esserne allontanato. Verso la fine di questo stesso decennio compie diversi viaggi in Italia per studiare l'arte del XVI e XVII secolo. Nel 1940 si rifugia negli Stati Uniti dove si occupa di produzioni teatrali, scrive, illustra libri, dipinge ed è ricevuto dal pubblico e dai media come uno dei grandi protagonisti dell’arte europea. Nel 1941 il Museum of Modern Art di New York allestisce un'importante retrospettiva della sua opera, in seguito itinerante negli Stati Uniti. Nel 1942 pubblica l'autobiografia La vita segreta di Salvador Dalí ed espone alla M. Knoedler and Co. di New York. Ritorna in Europa nel 1948 e si stabilisce in Spagna a Port Lligat; sono di questi anni le prime tele di soggetto religioso. Retrospettive della sua opera sono allestite nel 1954 a Roma a Palazzo Pallavicini, e nel 1964 a Tokyo, Nagoya e Kyoto.

Negli anni '60 continua a dipingere, scrivere e illustrare libri. Nel 1971 viene inaugurato a Cleveland il Salvador Dalí Museum, che nel 1982 si trasferisce a Saint Petersburg (Florida), mentre nel 1973 la galleria M. Knoedler and Co. di New York allestisce la Dalinian Holographic Room. Nel 1980 un'altra importante retrospettiva ha luogo a Parigi al Musée National d'Art Moderne, Centre Georges Pompidou, e le sue opere sono esposte alla Tate Gallery di Londra. L'artista muore a Figueras il 23 gennaio 1989.

 

credits: Hangar Design Group