compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Frank Stella

Miscuglio di grigio

1968-69

Frank Stella nasce nel 1936 a Malden, in Massachusetts. Alla Princeton University dipinge e si laurea in storia: dopo la laurea, nel 1958, si stabilisce a New York. L'anno successivo partecipa sia alla mostra "Three Young Americans" dell' Allen Memorial Art Museum dell'Oberlin College a Oberlin, in Ohio, sia a "Sixteen Americans" al Museum of Modern Art di New York.
Nelle serie che realizza a cavallo tra anni '50 e '60 affronta la fisicità della superficie pittorica, abbandonando sia l'illusione dello spazio sia la tradizionale forma rettangolare della tela. Un concetto, quest'ultimo, che sviluppa soprattutto a partire dalla metà degli anni '60. In questo periodo inizia anche a dedicarsi alle tecniche a stampa. Nel 1970 il Museum of Modern Art di New York presenta una sua retrospettiva. Nel decennio che seguirà Stella incorpora la tecnica del nelle sue opere che definisce "massimaliste", proprio per le loro qualità scultoree. Nei primi anni '70 usa anche altri materiali, come il legno. Inizia quindi a usare, invece della tela, l'alluminio come supporto preferito dei suoi quadri, che nell'arco anche degli anni '80 divengono sempre più elaborati ed esuberanti. Il Minimalismo che aveva caratterizzato il periodo precedente assume qualità barocche, contrassegnato da forme curvilinee, colori DayGlo e pennellate affrettate. Si comporta in maniera analoga anche con le tecniche a stampa, combinandole anche al disegno. Nel 1973 allestisce nella sua casa di New York uno studio per la grafica e la stampa. A partire dalla metà degli anni '80, per un decennio si dedica soprattutto al tema dell'opera di Herman Melville, Moby Dick. In questo periodo l'impiego del rilievo nei suoi quadri sfocia nella tridimensionalità delle sue opere, realizzate anche grazie a dei collage, dei modellini ingranditi e ricreati impiegando frese industriali e la tecnologia digitale. Durante gli anni '90 crea sculture per spazi pubblici e sviluppa progetti architettonici.
Le retrospettive a lui dedicate sono numerose, negli Stati Uniti, in Europa, in Giappone, ma sono soprattutto le degli anni '60 che hanno contribuito a definire l'arte di quel periodo, come "The Shaped Canvas" e "Systemic Painting" presentate al Museo Solomon R. Guggenheim di New York nel 1964–65 e nel 1966. Stella vive e lavora a New York.

 

 

credits: Hangar Design Group