compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Donald Judd

Senza titolo

1976

Donald Judd nasce nel 1928 a Excelsior Springs, Missouri. Si iscrive all'Art Students League di New York nel 1948 ma alcuni mesi più tardi si trasferisce al College of William and Mary di Williamsburg, Virginia. L'anno seguente, però, ritorna a New York dove tiene la sua prima personale alla Panoramas Gallery nel 1957. Nello stesso anno frequenta delle lezioni d'arte alla Columbia University. Nei primi anni sessanta passa dalla pittura alla scultura e inizia a interessarsi all'architettura. Judd si confronta con la nozione di originalità artistica scegliendo di impiegare materiali (acciaio, cemento, compensato) e processi industriali per creare sculture minimaliste di grandi dimensioni ma vuote, perlopiù a forma di scatola, organizzate secondo schemi ripetitivi e forme geometriche semplici.
la sua seconda personale p allestita alla Green Gallery di New York nel 1963. Nel 1962-64 insegna al Brooklyn Institute of Arts and Sciences. Nel 1966 tiene la prima delle numerose personali presso la Leo Castelli Gallery di New York. Nello stesso anno collabora, come "visiting artist", con il Dartmouth College di Hanover, New Hampshire, e l'anno seguente come docente di scultura alla Yale University a New Haven. Il Whitney Museum of American Art presenta la sua prima retrospettiva nel 1968. Nel corso di quel decennio gli sono assegnati vari premi. Nel 1971 partecipa alla mostra del Guggenheim International Award al Museo Solomon R. Guggenheim Museum di New York insieme ad altri artisti concettuali e minimalisti.
Nel 1972 si trasferisce a Marfa, nel Texas. Nel 1980 partecipa alla Biennale di Venezia e nel 1982 a Documenta, Kassel. Nei primi anni ottanta si impegna nella progettazione della Chinati Foundation, a Marfa, che apre nel 1986 come luogo espositivo per le proprie opere e per quelle di altri artisti contemporanei. Nel 1987 un'approfondita selezione della sua opera è presentata allo Stedelijk Van Abbemuseum di Eindhoven, poi esposta a Düsseldorf, Parigi, Barcellona e Torino. L'anno seguente, a New York, il Whitney Museum of American Art presenta una retrospettiva itinerante. Nel corso degli anni Judd pubblica numerosi testi teorici in cui promuove la causa del Minimalismo. Judd muore nel 1994 a New York.

 

credits: Hangar Design Group