compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Barbara Hepworth

Forma unica

1961

Barbara Hepworth nasce nel 1903 a Wakefield, Inghilterra. Studia scultura alla Leeds School of Art e al Royal College of Art di Londra nel 1920-24. Nel settembre del 1924 è in Italia e si stabilisce a Roma, dove inizia la sua carriera artistica. Nel 1926 ritorna a Londra e due anni più tardi si trasferisce al numero 7 dei Mall Studios a Hampsteads. Nel 1931 si unisce al London Group e alla 7&5 Society e incontra, inoltre, Ben Nicholson, che sposerà nel 1938. A partire dal 1932 le sue sculture diventano sempre più astratte . Nel 1933 frequenta, con Nicholson, il gruppo Abstraction-Création e l'anno seguente il gruppo Unit One di Paul Nash.
Dopo un breve periodo di distacco nel 1939 ritorna alla scultura, interessata a ricavare nelle sue opere (in pietra o il legno) spazi vuoti secondo forme precise. Si interessa al Costruttivismo e nel 1937 pubblica Circle: International Survey of Constructive Art, a cura di Nicholson, Naum Gabo, Leslie Martin, realizzandone il progetto grafico insieme a Sadie Martin. Con la Seconda guerra mondiale si trasferisce a St Ives, in Cornovaglia, dove fonda la Penwith Society of Arts insieme al marito, a Peter Lanyon e altri ancora.
La sua prima mostra di rilievo è organizzata al museo Temple Newsam di Leeds nel 1943. Durante gli anni cinquanta sono numerose le istituzioni che organizzano mostre, anche itineranti, dedicate alla sua opera, tra le quali Wakefield City Art Gallery (1951), Whitechapel Gallery, Londra (1954), Walker Art Center, Minneapolis (1955). Hepworth vince il Grand Prize alla Biennale di São Paulo nel 1959.  In 1964 il British Council organizza una mostra itinerante che viene esposta in varie città europee e nello stesso anno la sua scultura Single Form (1961-64) è installata davanti all'edificio delle Nazioni Unite di New York. Alan Bowness pubblica il catalogo ragionato della sua opera nel 1971. Hepworth muore a St Ives nel 1975. La sua casa e il suo studio vengono trasformati in un museo a lei dedicato.

 

 

credits: Hangar Design Group