compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Amedeo Modigliani

Ritratto del pittore Frank Haviland

1914

Amedeo Modigliani nasce il 12 luglio 1884 a Livorno. Le gravi malattie di cui soffre durante l’infanzia lo segneranno per tutta la vita. Quattordicenne, inizia a studiare pittura, mentre i primi esperimenti con la scultura risalgono all’estate del 1902. L’anno seguente frequenta a Venezia il Reale Istituto di Belle Arti. All’inizio del 1906 si trasferisce a Parigi, stabilendosi a Montmartre, e frequenta l’Académie Colarossi. Le sue opere giovanili sono influenzate da Paul Cézanne, Paul Gauguin, Théophile Alexandre Steinlen e Henri de Toulouse-Lautrec. Nell’autunno del 1907 incontra il suo primo mecenate, Paul Alexandre, che ne acquista le opere precedenti la prima guerra mondiale. Modigliani espone al Salon d’Automne nel 1907 e nel 1912 e al Salon des Indépendants nel 1908, 1910 e 1911.

Nel 1909 incontra Constantin Brancusi quando entrambi vivono a Montparnasse. Dal 1909 al 1914 si concentra sulla scultura, pur continuando a disegnare e dipingere. La maggior parte dei suoi dipinti tuttavia risale al periodo dal 1916 al 1919. Nei primi tempi la cerchia di amici di Modigliani comprende Max Jacob, Jacques Lipchitz ed il pittore portoghese Amadeo de Souza Cardoso; più tardi l’artista frequenta Tsugouharu Foujita, Moïse Kisling, Jules Pascin, i Sitwells, Chaim Soutine e Maurice Utrillo. I suoi mercanti sono Paul Guillaume (tra il 1914 e il 1916) e Leopold Zborowski (a partire dal 1917). L’unica mostra personale tenutasi durante la vita dell’artista si svolge alla Galerie Berthe Weill nel dicembre 1917.

Nel marzo 1917 Modigliani incontra Jeanne Hébuterne, che diviene sua compagna e modella. Dal marzo o aprile del 1918 fino al 31 maggio 1919 i due vivono nel sud della Francia, tra Nizza e Cagnes. Modigliani muore a Parigi il 24 gennaio 1920.

 

credits: Hangar Design Group