compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Manolo Valdés

Las Meninas (1/10)

2000

Las Meninas (2/10)

2000

Las Meninas (3/10)

2000

Las Meninas (4/10)

2000

Las Meninas (5/10)

2000

Las Meninas (6/10)

2000

Las Meninas (7/10)

2000

Las Meninas (8/10)

2000

Las Meninas (9/10)

2000

Las Meninas (10/10)

2000

Manolo Valdés nasce l’otto marzo 1942 a Valencia, Spagna. Nel 1948 entra nella locale scuola dei Domenicani, dove studia fino al conseguimento del diploma di maturità. Nel 1957 si iscrive alla Scuola di Belle Arti San Carlos di Valencia che, tuttavia, lascia due anni più tardi per dedicarsi interamente alla pittura. Nel 1962 tiene la sua prima mostra personale alla Galleria Nebli di Madrid e nel 1964, assieme a Jean A. Toledo e Rafael Solbes, fonda il gruppo Equipo Cronica. Nelle loro opere vengono combinati elementi della Pop Art inglese e americana con l’estetica figurativa del movimento degli anni ‘60 Nueva Figuracion, evidenziando uno sguardo critico verso la politica spagnola e la storia dell’arte. Il gruppo pratica la citazione e l’autocritica, ispirandosi inoltre alle opere di maestri come Pablo Picasso e Diego Velásquez.

Nonostante Toledo lasci il gruppo nel 1965, Valdés e Solbes continuano a lavorare insieme tenendo proprio in quell’anno la prima mostra dell’Equipo Cronica a Reggio Emilia. In seguito partecipano a numerose altre mostre tra le quali “Kunst und Politik”, presentata nelle città di Karlsruhe, Wuppertal e Colonia nel 1970. Il gruppo si scioglie con la morte di Soldes nel 1981, tuttavia Valdés continua nella sua carriera artistica continuando ad appropriarsi di immagini associate a specifici movimenti storico artistici, senza tuttavia le implicazioni politiche che caratterizzano le sue opere precedenti.

Nel 1991 espone alla Marlborough Gallery di New York e nel 1995 tiene la sua prima personale in Italia alla galleria d’arte Il Gabbiano, a Roma. Nel 1999 assieme a Carles Santos ed Esther Ferren, rappresenta la Spagna alla Biennale di Venezia. Nel 2002 il Guggenheim Museum di Bilbao allestisce una sua retrospettiva. Il suo lavoro indaga da un lato le specifiche qualità della pittura, dall’altro rivela un meticoloso lavoro di appropriazione che, attraverso dettagli dei dipinti dei grandi maestri come Matisse, Manet, Goya, Picasso, ecc., dà origine ad uno stile personale che pratica una revisione storica senza però annullare il valore del soggetto originale. Attivo anche nell’ambito della scultura, l’artista attualmente vive e lavora a New York.

 

credits: Hangar Design Group