compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Takis

Segnale

1958

Panayotis Vassilakis, noto come Takis, nasce ad Atene nel 1925. Compie la sua formazione da autodidatta iniziando a realizzare le prime sculture a partire dal 1946; le quali dopo un iniziale riferimento alla scultura greca arcaica si volgono in seguito all’astrazione e sono ispirate da fenomeni fisici, come il magnetismo e la gravità terrestre. Nel 1954 lascia la Grecia per trasferirsi a vivere principalmente a Parigi, ma anche a Londra, dove l’anno seguente espone le sue sculture alla Hanover Gallery. In questi anni inizia la realizzazione della serie “Segnali”, alte antenne composte da uno o più steli di metallo fissati ad una piccola base e alle cui estremità sono posti oggetti metallici di vario tipo.

Nel 1959 espone alla Galerie Iris Clert di Parigi le prime sculture “Telemagnetiche”, nelle quali oggetti metallici, legati ad un filo di nylon, sono tenuti sospesi nello spazio grazie all’uso di magneti. L’anno seguente presenta nella stessa galleria L’uomo volante, un corpo umano sospeso a mezz’aria dalla forza magnetica, e in seguito prosegue la sua ricerca con i “Telelumieres”, lampade di varia forma la cui luce viene modificata da elettrocalamite. Un’ulteriore evoluzione è data dalle sculture musicali esposte nel 1965 alla Galerie Alexandre Iolas di Ginevra, nelle quali il magnetismo è sfruttato per produrre dei suoni ripetuti. In seguito le sue opere sono state esposte alla Howard Wise Gallery di New York (1967), al Centre national d’art contemporain di Parigi (1972) e alla Documenta di Kassel (1977). Negli anni ’80 inizia a realizzare grandi installazioni e sculture, volgendo il suo interesse verso lo spazio urbano, come ad esempio l’insieme di più “Segnali” nella Place de la Défense di Parigi (1984-87) o la trasformazione dell’acquedotto di Beauvais in torre musicale attraverso una rete di corde metalliche verticali (1992).

All’artista che nel 1995 ha rappresentato la Grecia alla Biennale di Venezia è stata dedicata nel 2004 un’importante retrospettiva presentata prima alla Galleria Credito Siciliano di Acireale e poi, con alcune modifiche, alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese. Attualmente Takis vive a Parigi.

 

credits: Hangar Design Group