compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Jean Metzinger

Al velodromo

1912

Jean Metzinger nasce a Nantes il 24 giugno 1883. All’età di vent’anni, deciso a diventare pittore, si trasferisce a Parigi, dove diventa amico di Robert Dalaunay. Verso il 1908 conosce lo scrittore Max Jacob, grazie al quale entra a far parte della cerchia di Guillaume Apollinaire, che comprende Georges Braque e Pablo Picasso. Quest’ultimo in particolare è destinato ad avere un significativo influsso su Metzinger fino a circa il 1923. Nel 1910 espone per la prima volta al Salon des Indépendants. Negli anni 1910 e 1911 pubblica vari articoli sulla pittura contemporanea e in seguito contribuisce periodicamente alla letteratura sull’arte moderna. Metzinger è il primo a scrivere, in un articolo che appare su “Pan” nel 1910, che Picasso e Braque hanno abbandonato la prospettiva tradizionale e che concentrano visioni multiple di un oggetto in un’unica immagine.

Nel 1911 le sue opere figurano, con quelle di Robert Delaunay, Albert Gleizes e Fernand Léger, nella discussa Sala 41 del Salon des Indépendants, la prima collettiva ufficiale dei pittori cubisti. Nello stesso anno i suoi lavori sono esposti anche al Salon d’Automne di Parigi. Nel 1912 collabora con Gleizes alla stesura di Du Cubisme, uno scritto nel quale propongono le basi teoriche del cubismo. Sempre in quell’anno è tra i fondatori della Section d’Or ed espone alla Galerie de la Boétie di Parigi con altri membri del gruppo, tra i quali Gleizes, Juan Gris, Roger de La Fresnaye, Alexander Archipenko, Louis Marcoussis e Léger.

Di nuovo presente al Salon d’Automne del 1913, Metzinger continuerà ad esporre da allora nei maggiori salons parigini. Sempre nel 1913 prende parte a una mostra alla galleria Der Sturm di Berlino ed espone a Parigi con Gleizes e Léger alla Galerie Berthe Weill. Nel 1916 partecipa a una collettiva con Marcel Duchamp, Gleizes e Jean Crotti alla Montross Gallery di New York. Dopo il servizio militare, svolto durante la prima guerra mondiale, Metzinger ritorna nel 1919 a Parigi, dove vivrà da allora in poi. Tra le sue personali di rilievo figurano quelle alle Leicester Galleries di Londra nel 1930, alla Hanover Gallery di Londra nel 1932 e all’Arts Club of Chicago nel 1953. L’artista muore a Parigi il 3 novembre 1956.

 

credits: Hangar Design Group