compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Louis Marcoussis

L'Habitué

1920

Louis Marcoussis, pseudonimo di Ludwig Casimir Ladislas Markus, nasce a Varsavia il 14 novembre 1878. Nel 1901 entra all’Accademia di Belle Arti di Cracovia per studiare pittura con Jan Grzegorz Stanislawski. Trasferitosi a Parigi nel 1903, per un breve periodo è allievo di Jules Lefebvre all’Académie Julian e diventa amico di La Fresnaye e Robert Lotiron. Espone per la prima volta al Salon d’Automne del 1905 e al Salon des Indépendants del 1906 e negli anni successivi è spesso presente in entrambi i saloni.

A Parigi si guadagna da vivere vendendo caricature alle riviste satiriche, tra le quali “La Vie parisienne” e “Le Journal”. Frequenta i caffè come La Rotonde, Le Cirque Médrano e L’Ermitage, dove incontra Edgar Degas intorno al 1906 e Braque, Picasso e Apollinaire nel 1910. Nel 1907 smette di dipingere e quando riprende, nel 1910, ha ormai abbandonato il suo primo stile impressionista per il nuovo linguaggio cubista. Verso il 1911, su consiglio di Apollinaire, inizia a farsi chiamare Marcoussis, il nome di un villaggio vicino a Monthéry. Nel 1912 partecipa al Salon de la Section d’Or alla Galerie de la Boétie di Parigi. In questo periodo la sua cerchia di amicizie comprende Gris, Léger, Picabia, Metzinger e Max Jacob. Serve nell’esercito dal 1914 al 1919 e dopo il congedo compie una visita in Polonia.

Nel 1921 espone alla galleria Der Sturm di Berlino con Gleizes, Villon e altri. La sua prima personale si tiene alla Galerie Pierre di Parigi nel 1925, a cui seguono quella del 1928 alla Galerie Le Centaure di Bruxelles, e quella del 1929 alla Galerie Georges Bernheim di Parigi. Nel 1930, durante il primo dei suoi numerosi viaggi in Inghilterra, conosce Elena Rubinstein che diviene sua sostenitrice. Negli anni 1934-35 soggiorna per diversi mesi negli Stati Uniti, dove personali delle sue opere grafiche sono allestite all’Arts Club di Chicago nel 1934 e alla M. Knoedler and Co. di New York nel 1935. Dal 1930 al 1937 lavora quasi esclusivamente nel campo della grafica; una retrospettiva dei suoi lavori ha luogo al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles nel 1936. Nel 1938 compie viaggi in Inghilterra e in Italia, e l’anno successivo la London Gallery di Londra allestisce una sua personale. Nel 1940, con l’avanzata dell’esercito tedesco, Macoussis lascia Parigi per stabilirsi a Cusset, presso Vichy, dove muore il 22 ottobre 1941.

 

credits: Hangar Design Group